Comunicazioni tecniche
Eventi
Fare News
Imprese Associate
Il Nostro Team
{{ fifthTitle }}

FARE INSIEME - Ep. 71 - Logimatic, la sana ossessione per il cambiamento

«Il nostro lavoro è il più bello del mondo»

21/07/2022

Vai al podcast.
 

Flessibilità e dinamicità da artigiani, ma con numeri da impresa consolidata. È questa la storia di Logimatic, eccellenza bolognese da 32 milioni di euro di fatturato. «Tutto ciò che abbiamo in casa passa dalle macchine automatiche. Le officine meccaniche non sono più quelle tetre di vent’anni fa, ma sono piene di tecnologie». Per FARE INSIEME Giampaolo Colletti intervista Andrea Zaccari, AD di Logimatic

di Giampaolo Colletti
@gpcolletti

Photocredit: Giacomo Maestri e Francesca Aufiero

Nel mare in tempesta non bisogna mai restare fermi. È questa la strategia vincente del marinaio. Facile a dirsi, più difficile a farsi. Perché quando sei in mezzo alla tempesta la tendenza è quella di bloccarsi. È l’istinto naturale. E invece il mercato chiede sempre e in modo ossessivo una cosa: cambiare. Ecco, quella che stiamo per raccontare è una storia di cambiamento che parte dalle persone, abbraccia una comunità, coinvolge tecnologie e prodotti innovativi. Così nasce nel lontano 2004 Logimatic, società di servizi produttivi per l’industria meccanica, specializzata nella costruzione di macchine automatiche per conto terzi. Si tratta di prodotti hi-tech e iper-specializzati consegnati chiavi in mano. Perché questi fuoriclasse dell’industria meccanica sono in grado di produrre una macchina da zero occupandosi del montaggio meccanico, del cablaggio elettrico, dell’installazione del software e pensando anche al collaudo. La squadra gestisce una catena di competenze corta e coesa. Ad oggi Logimatic registra 32 milioni di euro di fatturato, conta 85 dipendenti. L’headquarter è un gioiello hi-tech che integra anche l’attenzione all’ambiente. Siamo a Ozzano dell’Emilia, quindicimila abitanti nell’area metropolitana bolognese e cuore pulsante di quella packaging valley conosciuta nel mondo. «Il nostro DNA è una sequenza molecolare che comprende varie parti: professionalità, integrità, capacità di relazionarsi con le varie incognite del mercato, adattarsi alle esigenze in un contesto in cambiamento», racconta Andrea Zaccari, amministratore delegato di Logimatic, 49 anni, nato a Bologna e formatosi in quel laboratorio scolastico fucina di eccellenza e che ha visto sfornare nei decenni decine di capitani coraggiosi, ossia l’Istituto Aldini Valeriani. «La verità è che non ero un grande tecnico, così ho cominciato a tessere relazioni industriali e a sognare in grande», ricorda Zaccari.  

Cambiare per eccellere.
Da una macchina automatica passa tutto quello che poi abbiamo in casa. Lo sanno bene in Logimatic. La loro prima macchina automatica prodotta su commissione di IMA SPA serviva per confezionare le bustine del thè, ma il capolavoro “challenge” è stato quello di realizzare in piena pandemia 70 macchine per imbustare le mascherine per la Protezione Civile. Di fatto Logimatic è la rappresentazione plastica di come con perseveranza, coraggio, determinazione, passione si può innovare. E la bussola in questo caso è sempre orientata al cambiamento. «Non bisogna restare fissi sulle proprie idee che diventano convinzioni, ma modificare la propria struttura nel corso del tempo, adattandola alle esigenze del mercato. Noi lo abbiamo fatto più volte», precisa Zaccari. In fondo questo “superpotere” dell’adattamento si legge nell’evoluzione professionale delle persone che compongono la squadra. Prima si era solo esclusivamente assemblatori di componenti meccanici, poi il mercato ha richiesto una professionalità più ampia e legata alla produzione: così si è strutturata una rete di subfornitura interna. «Fare le cose semplici in molto tempo non è più possibile. C’è una complessità del contesto. Ecco perché oggi facciamo cose più difficili in tempi più brevi. La chiave è adattare la catena di fornitura alla risoluzione dei problemi», dice Zaccari. Nella parte produttiva lavorano fianco a fianco ingegneri gestionali e periti meccanici perché – come ribadisce Zaccari – non bisogna mai perdere il contatto col prodotto. E poi le persone vanno formate, coinvolte, addirittura coccolate. «Sono la risorsa più preziosa di un’azienda. Da noi entrano fin dalla quarta superiore. È un modo per avvicinarli al nostro mondo. Il nostro lavoro è il più bello del mondo. Le officine meccaniche non sono più quelle tetre di vent’anni fa, ma sono piene zeppe di nuove tecnologie», dice con orgoglio Zaccari. L’attuale Logimatic prende vita da una piccola azienda artigiana specializzata nel montaggio e nella revisione di macchine automatiche. Flessibilità e dinamicità da artigiani, ma con numeri da impresa. Un equilibrio difficile da realizzare. Ma qui davvero lo straordinario diventa di serie. D’altronde l’azienda eredita le competenze ultra-quarantennali, ma porta in dote quella visione agile e flessibile di un mercato in continua trasformazione. Così si registra una crescita esponenziale che porta ad un aumento significativo del numero delle risorse con età media sui 35 anni allenata al concetto cardine del cambiamento: si può fare.  

Spazi sostenibili e hi-tech.
Dalle persone agli spazi. Anche questi si moltiplicano, nel segno della tecnologia e della sostenibilità.  Il building si estende su 12mila metri quadrati, ben 7mila sono per l’assemblaggio meccanico e oltre 4mila per lo stoccaggio dei materiali. Tutto questo permette di sviluppare 100.000 ore di assemblaggio meccanico ogni anno e di realizzare oltre 400.000 movimenti di magazzino ogni anno. Così il magazzino diventa un hub centralizzato capace di alimentare tutti i reparti produttivi del gruppo. E nella sede prendono posto dieci colonnine di ricarica rapida per autovetture elettriche. E poi c’è l’energia pulita che arriva dai 644 pannelli fotovoltaici installati e che nel solo 2021 hanno prodotto 250mila kWh, praticamente circa un quarto del fabbisogno energetico totale dell’azienda. «Abbiamo cercato di informatizzare e industrializzare i processi, mettendo al lavoro insieme le menti giovani con coloro che negli anni hanno acquisito competenza e professionalità. Abbiamo cercato di integrare un sistema gestionale tendenzialmente rigido, rendendolo flessibile, anche grazie a tecnologie evolute», precisa Zaccari. Intuizioni che diventano scalabili. Lo sosteneva anche Henry Ford: “Avere un’idea è un’ottima cosa, ma è ancora meglio sapere come portarla avanti”.

Clicca qui per ascoltare il podcast sulle principali piattaforme di ascolto https://podcast.confindustriaemilia.it/

Leggi le altre interviste

 

Podcast

Altri Articoli di Fare news