benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Window Automation Industry, qualità al giusto costo

29/05/2018

Quando la multinazionale francese Somfy, tra il 1996 e il 1997 decise di accaparrarsi la Asa di San Pietro in Casale - motori tubolari per finestre automatiche- e la Mingardi di Zola- attuatori lineari per l'apertura di finestre e altre applicazioni industriali -lo fece nel primo caso per conquistare un temibile concorrente e nel secondo per aprirsi a un mercato nuovo, partendo da un'azienda da 30 anni di storia. 

Poi arrivò la crisi. “Le due aziende, che nel 2004 avevano vita a Window Automation lndustry, erano già state raggruppate nel nuovo stabilimento Asa di Galliera”, spiega Massimiliano Marzo, direttore generale, “dove abbiamo sede oggi. La proprietà francese stava completando il secondo durissimo piano di ristrutturazione”. “Le persone erano demoralizzate per un futuro che sembrava nerissimo, in cui fare progetti per il futuro appariva molto complicato. Ma fu proprio nel gruppo Somfy che trovammo le risorse per ripartire”.

“All'interno del gruppo siamo il marchio in grado di offrire forse la più alta capacità di personalizzazione, ed ecco un altro punto in nostro favore. Enfatizzando queste differenze siamo stati in grado di entrare in sinergia alla rete commerciale di Somfy, forte di 80 filiali in tutto il mondo e di svariate migliaia di venditori. Così abbiamo incrementato il volume di vendite del 51% nel 2017 e siamo entrati in tanti paesi nei quali non eravamo presenti prima”.

Window Automation Industry è un'azienda di Galliera nata nel 2004 dalla fusione di due storiche piccole imprese manifatturiere bolognesi. Entrambe acquisite tra il 1996 e il 1997 dalla multinazionale francese Somfy, leader mondiale nella produzione di automazioni per la casa, in un primo tempo vennero gestite separatamente e poi riunite.

I primi segnali di ripresa dalla crisi generale si intravidero nel 2015, e dal 2016 il percorso virtuoso intrapreso dall'azienda di Galliera ha iniziato a manifestarsi in tutta la sua forza. Gli ultimi due esercizi hanno infatti segnato una crescita di oltre il 35% ma, limitando l'analisi ai soli motori tubolari, il balzo in avanti ha ampiamente superato il 50%.

Leggi l'intervista integrale e guarda la videointervista a Massimiliano Marzo sul Resto del Carlino Bologna

Scarica l'articolo dal sito di Confindustria Emilia Area Centro - Premio Mascagni edizione 2018