Con Site Spa le navi Gnv diventano più ecofriendly

Data pubblicazione: 19/07/2018

Gnv e Site Spa a partire dal 2012 hanno avviato un progetto di collaborazione unico nel suo genere all’interno del settore della navigazione: l’installazione di oltre 70mila corpi illuminanti Led a bordo di 7 navi della flotta Gnv che hanno dato vita a un abbattimento del 70% delle emissioni annue di CO2, insieme ad altri numerosi vantaggi, migliorando così anche l’esperienza di viaggio per i passeggeri.

Un investimento per la Compagnia Grandi navi veloci (Gnv) che rispecchia in pieno il programma di efficientamento energetico, adottato nel rispetto degli stringenti parametri ambientali, con lo scopo di individuare e applicare le migliori soluzioni tecnologiche per ridurre i consumi energetici e contribuire così a garantire una maggiore tutela dell’ambiente.

Gnv ha scelto di investire nella conversione dei vecchi sistemi di illuminazione presenti sulla sua flotta adottando l’innovativa tecnologia Led della linea di prodotto Vivila: una soluzione progettata, ingegnerizzata, e installata dall’azienda bolognese Site.

Una decisione che ha portato a Gnv alla formalizzazione al ministero dello Sviluppo economico per la richiesta del riconoscimento di Titoli di Efficienza Energetica da parte del Gestore dei Servizi Energetici (GSE).

La collaborazione fra le aziende ha avuto inizio 6 anni fa con un progetto pilota di relamping su alcuni pontidella nave Splendid per poi estendersi progressivamente su tutti gli impiantidi illuminazione delle altre unità navali: Majestic, Fantastic, Excellent, Excelsior, La Superba e La Suprema. Una flotta con una capacità di trasporto marittimo di oltre 16mila passeggeri e 6mila veicoli ed una copertura di 15 importanti tratte mediterranee a livello nazionale e internazionale.

Il passaggio alla tecnologia Led ha permesso alla compagnia di beneficiare di molti vantaggi dal punto di vista energetico. In primis è stato ridotto in maniera consistente il consumo di combustibile utilizzato per alimentare il sistema d’illuminazione di bordo, insieme a un abbattimento del 70% della potenza media impegnata, determinando così una significativa riduzione delle emissioni in atmosfera di CO2 di 2.785 tons/anno, rispetto alle circa 3.980 tons annue emesse prima dell’intervento.

Sono stati altrettanto significativi anche irisultati ottenuti in termini di ottimizzazione dei costi di manutenzione degli impianti e di smaltimento dei materiali. Oltre alla maggior tutela dell’ambiente marino, a beneficiare di questo relamping sono stati anche i passeggeri. L’intervento ha infatti notevolmente migliorato l’esperienza di bordo, andando ad impreziosire tutti gli ambienti, in particolare quelli legati all’accoglienza e all’intrattenimento dei viaggiatori, rendendoli ancora più sicuri e confortevoli, grazie ad un elevato aumento della loro luminosità e riduzione dell’emissione di calore.

Site ha affiancato Gnv in ogni fase di valutazione progettuale nella stima e rilevazione dei benefici di lungo periodo ottenuti da un simile investimento, garantendo l’attività di monitoraggio dei consumi e la predisposizione delle certificazioni dei risultati che hanno contribuito al rilascio dei Certificati Bianchi da parte del Gse.

Gli eccezionali dati raccolti sui nuovi consumi e la certificazione ottenuta sull’abbattimento dei costi e delle emissioni a distanza di un anno dalle stime e dal termine delle attività sulla flotta, hanno portato pertanto a una grande soddisfazione sul lavoro svolto da entrambe le società.

Un progetto di Energy saving di successo e una collaborazione davvero importante, fra aziende del nostro Paese, che condividono gli stessi valori, in termini di sostenibilità economica e ambientale e che ha dimostrato come l’attività di relamping verso la tecnologia Led, non sia da sottovalutare nella ricerca dell’efficienza energetica per lo sviluppo di modelli di business, sempre più ecofriendly come i viaggi e i servizi di trasporto offerti da Gnv nel proprio settore a beneficio del nostro Mediterraneo.