benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Partono le selezioni delle start-up di Agrofood Business Innovation Center

05/02/2019

Partono con febbraio le prime selezioni di start-up innovativenei settori food&beverage e agroindustriale da parte di Agrofood BIC S.r.l. (Business Innovation Center), un polo di innovazione aperta multiazienda che lavorerà su scala nazionale e internazionale per cogliere e valorizzare preziose opportunità di business.

Agrofood BIC S.r.l. nasce su iniziativa di Granarolo S.p.A.,Gellify S.r.l., Camst Soc. Coop. A r.l., Conserve Italia Soc. Coop. Agricola,Cuniola Società Agricola A r.l., Eurovo S.r.l. L’obiettivo condiviso è la creazione di un acceleratore di promettenti e innovative startup specializzate in Healthy food e special needs, Tracciabilità dei prodotti food in chiave di food safety, Packaging sostenibile, Food Delivery (shelf life legata all’internazionalizzazione dei prodotti food), Precision Agriculture.

Agrofood BIC S.r.l. sosterrà start-up promettenti nello sviluppo del loro progetto imprenditoriale, combinando servizi di accelerazione - aiutandole a risolvere le difficoltàorganizzative, operative e strategiche tipiche delle imprese neonate - con le competenze e gli strumenti specifici necessari a far crescere la loro idea di business nel mercato del food, superandone le barriere all’ingresso. Agrofood BIC e i suoi soci metteranno a disposizione delle start-up stabilimenti, impianti pilota, assistenza in R&D e l’accesso a un network di relazioni nella filiera del food che potenzieranno in modo decisivo la possibilità di successo dei nuovi imprenditori.

Tra i soggetti coinvolti che collaboreranno con il nuovo Business Innovation Center ci sono l'Università di Bologna, Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie l'energia e lo sviluppo economico sostenibile e ASTER, lasocietà della Regione Emilia-Romagna per la ricerca e l’innovazione.

Il cda di Agrofood BIC S.r.l., da poco nominato, potrà valutare l’eventuale ingresso di nuovi soci, purchè operanti in settori non in diretta concorrenza con i soci fondatori.

Industria aperta all'innovazione. Tramite un Comitato Tecnico-Scientifico, Agrofood BIC selezionerà le iniziative più innovative fra le candidature pervenute e le start-up presenti sul mercato, prediligendo quelle connotate da fattibilità concreta e opportunità progettuali da sviluppare. Nel successivo programma di accelerazione le start-up verranno sottoposte a un training intensivo di alcune settimane che permetterà di passare da una iniziale selezione di 12 start-up alle 5-6 caratterizzate da maggiore potenziale. Ogni iniziativa ad alto potenziale sarà abbinata ad un mentor selezionato tra i soci della BIC e a un progetto di open innovation da portare avanti con il coordinamento del mentor e il supporto degli altri attori del network e della filiera.

I programmi di Agrofood BIC prevedono un finanziamento iniziale di 15mila euro e - a seconda dello stadio di maturità delle start-up - uno o più ulteriori finanziamenti del valore di 20mila euro che potranno essere assegnati al raggiungimento di specifici risultati che comprovano il raggiungimento degli obiettivi del progetto. Infine le start-up ad alto potenziale saranno eleggibili per significativi investimenti successivi al periodo di accelerazione da parte dei Soci e/o di partner investitori.

Gli eventi legati all’acceleratore e le call saranno pubblicati sul sito www.agrofoodbic.it dove sarà possibile anche inoltrare candidature spontanee.

Cda.
La società sarà amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto dai soci: Gianpiero Calzolari, Presidente Granarolo – Presidente di Agrofood BIC, Luca Ferrarini, Resp. Progetti Formazione Continua Operations Granarolo – Consigliere, Michele Giordani, Managing Partner e Fondatore Gellify - Consigliere, Pier Paolo Rosetti, Direttore Generale Conserve Italia – Consigliere, Davide Magnani, CFO Eurovo – Consigliere, Francesco Malaguti, Presidente Camst - Consigliere, Debora Negrini, Presidente Cuniola – Consigliere.

Comitato tecnico-scientifico. Il Comitato Tecnico Scientifico, nominato dal cda, avrà il compito di definire le modalità e criteri di selezione delle start-up e le attività di supporto messe a loro disposizione dalla Società. I membri del Comitato Tecnico Scientifico sono Vittorio Zambrini, Direttore Scientifico Granarolo, Tiziano Manco, Direttore BU Mercato Italia Granarolo, Lucia Chierchia, Managing Partner Gellify, Fabio Fregnani, Direttore R&D Conserve Italia, Martin Hintersteiner, Project Manager R&D Eurovo, Maurizio Polverino, Program Management Officer Camst, Dario Rea, Direttore Ricerca e Innovazione IMA, Alessandro Grandi, Presidente Almacube Unibo, Massimo Iannetta, Responsabile Divisione Biotecnologie e Agroindustria Enea, Alain Marenghi - Alte competenze e unità startup Aster.