Marr, utili e ricavi in aumento nel 2018

Data pubblicazione: 12/03/2019

Il cda di Marr, società leader in Italia nella commercializzazione e distribuzione di prodotti alimentari al foodservice, ha approvato il bilancio consolidato ed il progetto del bilancio d’esercizio 2018, che verrà sottoposto all’Assemblea degli Azionisti il prossimo 18 aprile.
 
L’esercizio 2018 si è chiuso con ricavi totali consolidati pari a 1.667,4 milioni di Euro, rispetto ai 1.624,6 milioni del 2017. In crescita anche la redditività operativa con l’EBITDA a 119,3 milioni di Euro (116,0 nel 2017) e l’EBIT a 99,2 milioni (97,0 nel 2017).

L’utile netto consolidato
è stato pari a 68,5 milioni di Euro, in incremento rispetto a 65,5 milioni del 2017 grazie anche a proventi non ricorrenti netti per 0,8 milioni di Euro, di cui 1,0 milioni di Euro sono relativi a interessi attivi riconosciuti alla chiusura in via definitiva (avvenuta nel corso dell’ultimo trimestre 2018) del contenzioso fiscale sorto nel 2000 e per il quale l’Agenzia delle Entrate ha provveduto a rimborsare 6,0 milioni di Euro che MARR aveva anticipato in pendenza di giudizio.

Al 31 dicembre 2018
il capitale circolante netto commerciale è stato pari a 214,1 milioni di Euro, rispetto ai 195,4 milioni di Euro di fine esercizio 2017. La Posizione Finanziaria Netta al 31 dicembre 2018 si è attestata a 156,6 milioni di Euro (157,6 milioni a fine 2017) con un rapporto su EBITDA di 1,3 volte (1,4 volte nel 2017). Il patrimonio netto consolidato al 31 dicembre 2018 è stato pari a 324,3 milioni di Euro (304,7 milioni di Euro nel 2017).
 
Risultati per segmento di attività nell’esercizio 2018. Le vendite del Gruppo MARR nel 2018 sono state pari a 1.643,1 milioni di Euro rispetto ai 1.599,5 milioni del 2017.
 
In particolare le vendite verso i clienti della “Ristorazione commerciale e collettiva” (clienti delle categorie “Street Market” e “National Account”) hanno raggiunto i 1.394,1 milioni di Euro (1.335,5 milioni nel 2017).  Le vendite nella principale categoria dello Street Market (ristoranti e hotel non appartenenti a Gruppi o Catene) sono state pari a 1.093,2 milioni di Euro rispetto ai 1.048,7 milioni del 2017. L’andamento del mercato finale di riferimento dei clienti dello Street Market, stando alla più recente rilevazione dell’Ufficio Studi Confcommercio (Congiuntura Confcommercio n. 2, Febbraio 2019), ha fatto registrare nell’anno 2018 per la voce “Alberghi, pasti e consumazioni fuori casa” una crescita dei consumi (a quantità) del +1,4%.

Le vendite ai clienti del “National Account”
(operatori della ristorazione commerciale strutturata e della ristorazione collettiva) sono state pari a 300,9 milioni di Euro (286,8 nel 2017). Le vendite ai clienti della categoria dei “Wholesale” (grossisti) si sono attestate a 249,0 milioni di Euro rispetto ai 264,0 milioni del 2017.

Evoluzione prevedibile della gestione.
A fronte di un contesto economico generale incerto il mercato dei consumi alimentari fuori casa (“foodservice”) in Italia è atteso possa confermare le sue caratteristiche strutturali di resilience; d’altro canto il Gruppo MARR continua nel perseguire il rafforzamento della propria leadership di mercato attraverso la specializzazione della propria proposta commerciale. Tale approccio al mercato viene perseguito congiuntamente all’obiettivo di mantenere i livelli di redditività raggiunti e l’assorbimento di capitale circolante sotto controllo.

Argomenti: