Metalcastello, dalla crisi al successo

Data pubblicazione: 20/03/2018

Il panorama montano che si ammira dallo stabilimento della Metalcastello, azienda di ingranaggi di Castel di Casio, fa bene agli occhi ma non certo al business. Se ne lamenta spesso l'ad Stefano Scutigliani. Poi, però, se gli si chiede perché non trasferire tutto, risponde con un sorriso: “Metalcastello non può esistere che qui”. «C'entrano i montanari, nostri dipendenti. Il segreto è un turnover molto basso e graduale, che lasci il tempo alla conoscenza di essere trasmessa. Ma neanche questa ricetta funziona se non la si mescola con il territorio. Abbiamo persone che vivono qui, che conoscono le persone con cui lavorano, che amano ciò che fanno, ci mettono passione, con un attaccamento alla maglia che gli fa rifiutare altre offerte».

Metacastello è nata nel 1952 in un garage di Porretta Terme, su iniziativa di due ex dipendenti della Demm: Ettore Bettocchi e Mario Pierotti. Trasferitasi poi a Castel di Casio, dove ha sede tuttora. Dal 2015 Metalcastello fa parte del gruppo spagnolo Cie Automotive Ltd, subentrato alla proprietà del colosso indiano Mahindra & Mahindra, è guidata dall'ad Stefano Scutigliani ed è parte di un importante polo di fornitura da 2,5 miliardi di euro, presente in svariati mercati quali India, Sudamerica, Cina, Spagna e Usa.

Leader mondiale nella produzione di ingranaggi per trasmissioni meccaniche utilizzate in applicazioni che vanno dal settore delle macchine movimento terra, ai trattori agricoli per medie ed elevate potenze, ai veicoli industriali e alle applicazioni navali, Metalcastello occupa attualmente 257 dipendenti (ma conta di superare i 300 entro fine anno) e investe in ricerca e sviluppo 1'1,5% del proprio giro di affari. Il 12017 si è chiuso con un fatturato di 51,4 milioni di euro, in crescita dell'8% sull'anno precedente, 1'83% dei quali derivante dall'export, in particolare da Europa, Usa, Sudamerica e India.

Leggi l'intervista integrale e la videointervista a Stefano Scutigliani sul Resto del Carlino

Scarica l'articolo dal sito di Confindustria Emilia Area Centro - Premio Mascagni edizione 2018