benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Cbm, da Modena idee hi-tech per i trattori

24/04/2018

“Datemi un attacco a tre punti e vi aggancerò il mondo”: Omero Cornia nel l967, in una Modena che oltre alle auto di lusso fabbricava 'gioielli' della meccanizzazione agricola (dalla Fiat, oggi Cnh, alla Lamborghini, Goldoni, Valpadana), ebbe l'intuizione di produrre componenti per il collegamento dei trattori alle attrezzature agricole. Fondò assieme alla moglie Paola Bergamini la CBM (acronimo di Cornia-Bergamini-Modena) che oggi presiede. A guidare il gruppo sono i figli Enrico, managing director, e Monica Cornia, responsabile del personale di Modena.

Enrico Cornia, da dove nacque l'idea di suo padre? “Mia madre Paola era figlia di un imprenditore (Ageo Bergamini) che produceva trattori per aeroporti. Mio padre Omero, guardando il lavoro di suo suocero, ebbe l'intuizione di realizzare componenti per trattori agricoli con l'attacco a tre punti. Il valore aggiunto è stato l'aggancio rapido che rende l'operazione molto semplice, ed evita le impennate e gli sbandamenti laterali del trattore: non occorre che la persona scenda dal trattore, può agganciarlo benissimo dal sedile o dalla cabina».

Negli anni '90 la leadership dei mercati europei e poi l’Asia. “Attraverso acquisizioni di aziende specializzate per esempio nei sollevatori idraulici (Mita Oleodinamica di Tregnago-VR), CBM group è stata in grado di fornire non solo l'attacco, ma l'intera parte posteriore del trattore: l'attacco a tre punti, il sollevatore idraulico, il gruppo traino-rimorchi e il pick-up hitch scandinavo. Oggi CBM ha uno stabilimento in Polonia dove produce non solo componenti, ma anche piccoli trattori”. Nel 2000 CBM Group si è spinta sul mercato indiano (fondando la Mita India vicino a Delhi)”.

CBM è stata fondata a Modena nel 1967. Core business dell'azienda è stato da subito l'attacco a tre punti per trattori agricoli, e in oltre 50 anni di attività, CBM Group è diventata leader nella progettazione e produzione di sistemi di aggancio, traino e sollevamento attrezzi per trattori agricoli. Il Gruppo CBM è composto da CBM Spa, Mita Oleodinamica, CBM Polska e Mita India, e offre ai propri clienti una gamma completa di prodotti, con componenti meccanici, idraulici ed elettronici che fornisce di primo impianto a tutti i principali costruttori di trattori.

Oltre alla sede produttiva di Modena (12 mila metri quadri coperti), CBM Group ha stabilimenti a Verona, in Polonia e in India. Il gruppo modenese ha complessivamente 1.300 dipendenti e nel 2017 ha realizzato un fatturato globale di 197,4 milioni di euro. Particolarmente significativo l'export che nel2017 ha toccato i 138 milioni di euro e rappresenta il 70% del giro d'affari complessivo. 

Leggi l'intervista integrale e guarda la videointervista a Enrico Cornia sul Resto del Carlino Modena

Scarica l'articolo dal sito di Confindustria Emilia Area Centro - Premio Mascagni edizione 2018