A Pavullo nuovo hangar ed elisoccorso notturno

Data pubblicazione: 13/06/2018

Momento importante quello ha vissuto l’Aeroporto Paolucci di Pavullo sabato 9 giugno. Alla presenza di Stefano Bonaccini, governatore della Regione Emilia Romagna, di Maria Costi, vicepresidente della Provincia di Modena, di Roberto Vergari, direttore centrale vigilanza tecnica di Enac e di Tiziana Ferrari, direttoregenerale di Confindustria Emilia, è stato inaugurato il nuovo hangar ed è stato presentato il nuovo servizio notturno di emergenza con elisoccorso.

Per l’infrastruttura pavullese, Aeroporto Civile Statale, si tratta del terzo hangar che entra in servizio. E’ una struttura metallica coibentata e riscaldata di 25 metri per 20. L’altezza interna è di sei metri. L’hangar, polifunzionale moderno, è servito da portoni scorrevoli elettrici. Potrà ospitare sino a tre elicotteri dedicati all’emergenza/urgenza. L’opera ha previsto un investimento di 482 mila euro. Gran parte delle risorse per la realizzazione dell’opera, oltre 300 mila euro, sono state donate all’Aereo Club Pavullo dalla Vis Hydraulics srl di Pavullo.

“Abbiamo voluto fortemente quest’opera", dichiara Adamo Venturelli titolare della Vis Hydraulics srl, "perché crediamo che supportare la nostra comunità ci renda più forti, e sia un nostro dovere”.

La scaletta dell’eventonon ha previsto solamente il taglio del nastro per l’inaugurazione del terzo hangar, ma anche un’accattivante attività dimostrativa da parte dell’equipaggio dell’elisoccorso. Il personale di bordo dell’elicottero, pilota, tecnico di bordo, medico, infermiere e tecnico di soccorso alpino, hanno dato prova della loro professionalità nel volo e nella simulazione di intervento tipico in territori impegnativi e ostili dell'Appennino. La simulazione è stata effettuata in collaborazione con i volontari del territorio coordinati da Avap Pavullo. Nel corso del pomeriggio operatori dell’Ausl hanno illustrato al pubblico il sistema di elisoccorso regionale e le specificità di quello di Pavullo.

“Questo é un hangarideale per il futuro dell’attività di elisoccorso sanitario", ha sottolineatonel suo intervento Roberto Gianaroli, presidente di Aero Club Pavullo, "pensiamo al trattamento di pazienti multipli, al ricovero degli apparecchielettromedicali moderni, alla velocità di intervento, al comfort per il personaletecnico nelle attività di manutenzione e preparazione del mezzo. Alle attivitàdi addestramento del personale del Soccorso Alpino e sanitario”.

“Questo hangar", ha concluso Gianaroli, "è un simbolo del fare, è un’opportunità per tutto il sistema regionale di soccorso, verso il quale ora si rivolge il nostro sguardo e dal quale aspettiamo proposte concrete per lo sviluppo delle attività. Mi piacerebbe che ci muovesse un’unità di intenti,esente da gelosie o campanilismi, propositiva e costruttiva, che riportasse al centro del pensiero e dell’azione il fare, i territori, i cittadini”.

Argomenti: