benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

La rinascita del salumificio Mec Palmieri

25/09/2018

Il terremoto che nel 2012 devastò l’Emilia abbattendosi su decine di capannoni industriali fece crollare il cuore produttivo della loro azienda: un danno enorme, 14 milioni di euro. I Palmieri, storici produttori di salumi di San Prospero, arrivati alla terza generazione, non si sono persi d’animo. Il salumificio Mec Palmieri spa, specializzato nella produzione di mortadella, zampone, cotechino e stinco, non solo si è risollevato con le proprie forze (fisiche ed economiche) ma negli anni ha aumentato il fatturato arrivando a poco più di 28 milioni nel 2017.

"La ricostruzione è durata circa un anno", racconta Marcello Palmieri, uno dei tre fratelli titolari dell'azienda. Con le scosse di terremoto il cuore dell’azienda, la parte storica, si era piegata di nove centimetri, l’abbiamo dovuta demolire e rifare completamente, circa 6.500 metri quadrati. Era tutto inagibile tranne i magazzini che erano all’interno di strutture realizzate di recente. Siamo riusciti a risollevarci grazie anche alla solidarietà dei nostri colleghi, importanti nomi della salumeria in Italia, che ci hanno offerto temporaneamente 'casa' per le nostre produzioni".

Da bottega cittadina a salumificio industriale da 28 milioni di fatturato: la storia del Salumificio Palmieri risale al lontano 1919 quando nonno Emilio lavorava le carni per farne salsicce e salumi nel laboratorio artigianale in via Canalchiaro, nel cuore del centro storico di Modena. Nel 1962 si realizza il sogno di aprire un'attività: nella Bassa Modenese viene avviata una produzione ancora artigianale di mortadelle, salami, ciccioli, pancette, coppe, utilizzando le carni dei suini allevati e macellati in proprio. 

Negli anni '70 l'azienda si trasferisce a San Prospero dove la famiglia Palmieri pone le basi per l'attuale stabilimento,che occupa un'area di circa 30 mila metri quadri. L'azienda vanta una capacità produttiva di oltre 100 tonnellate di carne alla settimana e occupa 82 dipendenti.

Leggi l'intervista integrale e guarda la videointervista a Marcello Palmieri sul Resto del Carlino Modena

Scarica l'articolo dal sito di Confindustria Emilia Area Centro - Premio Mascagni edizione 2018