benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Draghetti Marine Division continua a crescere

12/02/2020

Certo, a Cavezzo non abbiamo il mare, ma questo non ci ha impedito, sin dal lontano 2008, di sviluppare prodotti di alta qualità che hanno affascinato numerosi cantieri e gruppi prestigiosi ed importanti, tra i quali spicca Ferretti e la recentissima collaborazione con FSD Ferretti Security Division”. Con queste parole, Luca Draghetti, CEO di Mekanica Draghetti e responsabile di Draghetti Marine Division commenta il nuovo progetto messo a punto per FSD Ferretti Security Division.

Già da tempo i sistemi DEF-HI Draghetti Marine Division sono installati sugli yacht Ferretti (modello Persching 9X), barche lussuose e di prestigio che, grazie ai sistemi d’assetto 100% italiani che Draghetti Marine Division realizza, garantiscono perfomances eccellenti durante ogni condizione di navigazione.

Negli ultimi mesi, il sistema di stabilizzazione d’assetto DEF-TS (Draghetti Efficienty Flaps) progettato e realizzato completamente in Italia da Draghetti Marine Division ha conquistato i dirigenti della Divisione Ferretti che lavora con il Ministero Italiano della Difesa – Ferretti Security Division - a tal punto che, a partire da quest’anno, sarà installato su tutti i pattugliatori dei Carabinieri di nuova realizzazione.

Ferretti Security Division produrrà questi fondamentali mezzi all’avanguardia per il pattugliamento delle nostre coste che, proprio per la loro natura, hanno bisogno di un prodotto affidabile, sicuro e dalla resa eccellente. Queste sono esattamente le qualità principali dei sistemi di stabilizzazione d’assetto Draghetti Marine Division.

“Aver vinto l’appalto per la fornitura dei DEF-TS per 16 pattugliatori dei Carabinieri dimostra che il nostro prodotto è il top di gamma per affidabilità e qualità e ci rende molto fieri di ciò che abbiamo creato grazie anche alla realizzazione di una start up. Ogni anno i nostri sistemi aumentano la propria fetta di mercato, simbolo che il made in Italy continua a crescere” conclude Luca Draghetti.