benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Site protagonista dell'espansione della rete ferroviaria che collegherà gli Emirati Arabi

10/09/2020

Agli inizi di agosto SITE, l’azienda bolognese specializzata nell’impiantistica e nell’integrazione di sistemi ha finalizzato un contratto da oltre 10 milioni di euro con Hitachi Rail STS, società leader mondiale nel segnalamento ferroviario e impegnata nello sviluppo infrastrutturale di Etihad Rail, l’operatore nazionale che ha il mandato di sviluppare e gestire la costruzione e il funzionamento della rete ferroviaria di trasporto merci e di passeggeri degli Emirati Arabi Uniti.

Un contratto che prevede nei prossimi 3 anni l’impegno di SITE nella realizzazione, in modalità chiavi in mano, di un sistema integrato e all’avanguardia di telecomunicazioni che completerà lo sviluppo di 605 km della nuova linea ferroviaria all’interno della seconda fase del progetto, definita “Stage Two”.
Il contributo di SITE si inserisce nel pacchetto del contratto dedicato allo sviluppo tecnologico della nuova linea e che, nel dettaglio, prevede la progettazione e la realizzazione delle reti di trasmissione al servizio del segnalamento e della sicurezza; la rete di telecomunicazione mobile GSM-R;  l’integrazione di numerosi sistemi tecnologici tra cui quelli di telefonia, di registrazione delle comunicazioni voce e  di sincronizzazione. Le attività saranno eseguite nell’arco di 36 mesi al termine delle quali SITE assicurerà anche un servizio di assistenza in garanzia per ulteriori 5 anni. 

La tratta dello “Stage Two” destinata al trasporto di merci e persone e alla congiunzione dei principali porti commerciali e industriali dell’UAE, rappresenta il proseguimento dei lavori del progetto “Stage One” che ha portato all’inaugurazione, a gennaio del 2016, della prima tratta della linea ferroviaria “Shah – Habshan – Ruwais” di 264 km, e per la quale SITE ha già realizzato  le installazioni dei sistemi di Segnalamento (un sistema ERTMS Livello 2, basato su un sistema ACC multi stazione, 1 Radio Block Center (RBS), 400 Balise, 65 casse di manovra e 150 Conta Assi). La linea dello “Stage One”, già operativa da quatto anni, oggi collega il sito di estrazione di gas nel sud del paese con il porto di Ruawis trasportando fino a 22.000 tonnellate di zolfo granulato ogni giorno da Habshan e Shah a Ruwais per conto di ADNOC.

Al termine dello “Stage Two”, si prevede un aumento del volume delle merci trasportate lungo la nuova rete di Etihad Rail di sette milioni di tonnellate all'anno nella prima fase a oltre cinquanta milioni di tonnellate.
Un progetto di vitale importanza per il futuro del paese perché migliorerà il modo in cui le merci e le persone si muoveranno, aprendo nuovi corridoi commerciali e opportunità di viaggio interne ed esterne agli Emirati e darà nuova linfa allo sviluppo economico di tutta la penisola araba.

La nuova rete ferroviaria in costruzione rientra anche all’interno di un piano strategico nazionale più ampio, che si pone l’obiettivo di realizzare la “Union Railway” che si estenderà per circa 1.100 km e al suo termine ridefinirà la logistica e il trasporto nella regione, fornendo una rete moderna, sicura, efficiente e sostenibile e collegherà i sette emirati degli Emirati Arabi Uniti ai paesi vicini del Gulf Cooperation Council (GCC) con una rete ferroviaria di circa 2.177 km. Questo contratto rappresenta un importante risultato per SITE in linea con il piano industriale 2018 - 2020 che puntava ad aumentare la propria quota di export.

Continuiamo a implementare il nostro piano di sviluppo all’estero, nel quale le attività in ambito ferroviario nel nord Africa e in Medio Oriente rivestono un ruolo importante. – commenta Stefano Borghi, Presidente e Amministratore Delegato di SITE – Nello specifico, questo contratto rappresenta per SITE un altro importante passo nel consolidamento della nostra presenza sul mercato degli Emirati Arabi. Vogliamo creare valore in questo Paese attraverso lo sviluppo di infrastrutture di rilevanza strategica e l’esportazione delle nostre competenze nell' integrazione e messa in servizio delle tecnologie di segnalamento e di telecomunicazione, gestendo progetti chiavi in mano di grande complessità; oltre a fornire piattaforme software sviluppate internamente per il supporto alla manutenzione degli impianti. Per il futuro la nostra ambizione è quella di consolidarci nei mercati in cui siamo già presenti, come l’Algeria, il Marocco e gli Emirati Arabi, e di aprire nuove opportunità di crescita sia in Africa e in Medio Oriente che in Europa”.