benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Monari Federzoni acquisisce Fattorie Giacobazzi da Granarolo

14/01/2021

Giovedì 24 dicembre, Monari Federzoni ha siglato con Granarolo l’accordo per l’acquisizione del 100% di Fattorie Giacobazzi di Nonantola.  

La decisione di rilevare una delle realtà più prestigiose nel settore dell’aceto balsamico di Modena rappresenta per Monari Federzoni un segno di continuità nel percorso di valorizzazione di una delle eccellenze agroalimentari più apprezzate del territorio modenese in cui, sottolinea il presidente e ad Sabrina Federzoni, "la nostra famiglia ha origine e opera da oltre cento anni".  

Quello con Modena e il suo territorio rappresenta per Monari Federzoni un legame profondo, "che dal 1912 guida e orienta il nostro lavoro e a questo conferisce sempre rinnovato valore. Nel segno della tradizione, tramandata di generazione in generazione, Monari Federzoni guarda al futuro con impegno e competenza, e con la volontà di contribuire in maniera fattiva a innovare e sviluppare il settore dell’aceto balsamico di Modena".  

L’accordo siglato darà vita a uno dei poli più importanti per l’aceto balsamico di Modena con 84 dipendenti nelle sedi e negli stabilimenti tutti situati in provincia di Modena (Solara di Bomporto e Nonantola), 18 milioni di bottiglie esportate in oltre 55 Paesi, una produzione aggregata pari all’11% del totale di aceto balsamico di Modena Igp venduto in Italia e all’estero, e 5.500 barrique/botti per una capacità produttiva che copre circa il 25% delle vendite totali del prodotto invecchiato nel mondo. Il fatturato aggregato delle due aziende è pari a 32 milioni di euro.  

Monari Federzoni e Fattorie Giacobazzi sono due realtà sinergiche dal punto di vista della tradizione produttiva, dei canali di vendita e della presenza sui mercati, nazionale ed estero. Due identità ben definite e riconosciute che manterranno le rispettive specificità e competenze, creando un sistema di eccellenza, conclude Sabrina Federzoni, "che ci permetterà di continuare a condividere, con maggiore forza, la cultura dell’aceto balsamico di Modena in Italia e nel mondo".