benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Regenesi al Festival dei Due Mondi di Spoleto

06/07/2018

Regenesi, azienda italiana che è stata fra le prime a occuparsi di economia circolare, realizzando collezioni di accessori moda e oggetti di design costruiti sui valori della sostenibilità, sarà fra i protagonisti dell’incontro “Design, innovazione, circolarità. Il design come strumento chiave dell'innovazione e della transizione ad un modello circolare”, previsto giovedì 12 luglio all’interno del calendario Eventi del Festival dei Due Mondi.

Un evento organizzato da Regione Umbria, Sviluppumbria Spa – Programma Innetwork, ADI Umbria, Arcadia Design con la collaborazione di Palazzo Collicola Arti Visive, Spoleto Festival dei Due Mondi, Enea, Università degli Studi di Perugia, Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci, GdA Architetti Associati.

Un importante momento per fare il punto sul ruolo che il design può avere per il tessuto economico del territorio e per l’innovazione a 360° in una sua chiave circolare e che porterà alcuni imprenditori già attivi nel sistema a raccontare la loro esperienza e la loro visione per il futuro. L’obiettivo è ispirare, confrontarsi e riflettere per illuminare alcuni aspetti chiave e stimolare un approccio qualitativamente alto alla circolarità e all’innovazione, arricchito dalla diversità dei punti di vista e delle diverse competenze dei partecipanti.

Riconoscendole il ruolo da vera pioniera nel settore, il comitato organizzatore con Arcadia Design, ha invitato Maria Silvia Pazzi, fondatrice e CEO di Regenesi, a far conoscere la propria storia che quest’anno compie dieci anni.

L’azienda bolognese fin dal 2008 si occupa della trasformazione innovativa e sostenibile di materiali di scarto industriale per dare vita a oggetti e accessori di alta gamma. Prodotti frutto di un made in Italy che investe al 100% nel concetto di produzione responsabile, sostenibile e innovativa. Un modello di economia di tipo circolare che in futuro riguarderà molte altre realtà del tessuto manifatturiero nazionale.

L’intervento di Maria Silvia Pazzi andrà a toccare in modo particolare il network virtuoso intrapreso con altri brand leader nel loro segmento specifico. Il progetto di Regenesi, infatti, ha fin dal principio l’obiettivo di supportare le imprese, in coerenza con il Pacchetto di Economia Circolare Europeo, mettendo le proprie competenze in tema di green economy a disposizione delle aziende del territorio che desiderino sviluppare strategie di CSR anche tramite il recupero dei propri sfridi di lavorazione industriale.

Una collaborazione che può sfociare, come avvenuto con Lamborghini e Dainese, nello sviluppo di progetti in co-branding per la creazione di nuove linee di prodotto interamente made in Italy e firmate da designer di fama internazionale, realizzate attraverso il recupero e la rigenerazione dei materiali di scarto aziendali.

Un piano ambizioso, una vera sfida che Maria Silvia Pazzi ha assunto e che si è prefissa di elevare a sistema per aiutare sempre più aziende del made in Italy, e non solo, a cambiare o, più semplicemente, ad acquisire maggiore consapevolezza su quello che già hanno in atto in termini di Design, Innovazione e Circolarità, che è proprio il tema di questo nuovo incontro del 12 luglio e che ha il pregio di essere all’interno del Calendario Eventi del Festival dei Due Mondi.