benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa
Massimo Galassini, CEO di Usco, riceve a Milano il Premio EY 2021 "L’Imprenditore dell’Anno"
Massimo Galassini, CEO di Usco, riceve a Milano il Premio EY 2021 "L’Imprenditore dell’Anno"

Massimo Galassini, CEO di Usco, è "Imprenditore dell’Anno" nel settore Manufacturing & Automotive

25/11/2021

È stata una grandissima soddisfazione per Massimo Galassini, fondatore e CEO di USCO Spa, ricevere il Premio EY 2021 "L’Imprenditore dell’Anno" nel settore Manufacturing & Automotive, come si legge nella motivazione "per lo spirito imprenditoriale e la visione strategica che lo hanno guidato nella trasformazione di una realtà locale del modenese in un gruppo leader a livello mondiale nella produzione e distribuzione di componenti per macchine movimento terra”.

I prestigiosi riconoscimenti sono riservati ad imprenditori italiani alla guida di aziende con un fatturato di almeno 25 milioni di euro, che abbiano saputo creare valore, con spirito innovativo e visione strategica, contribuendo alla crescita dell'economia, dimostrando coraggio, innovazione e trasformazione in un momento senza precedenti.

La giuria, che ha assegnato i premi, era presieduta da Guido Corbetta, professore all’Università Bocconi di Milano, e composta da Alberto Baban, imprenditore; Paolo Boccardelli, direttore della LUISS Business School; Laura Colnaghi Calissoni, presidente e amministratore delegato del Gruppo Carvico; Monica Mandelli, managing director in KKR & Co. a New York; Marco Nocivelli, presidente e amministratore delegato del Gruppo Epta; Cristina Scocchia, amministratore delegato di KIKO; Paolo Scudieri, amministratore delegato di Adler Plastic Spa, e Nunzio Tartaglia, Responsabile CDP Imprese. 

Massimo Galassini, nel ritirare il premio ha ringraziato EY e la giuria per l’importante riconoscimento, nonché i propri soci, partner, collaboratrici, collaboratori e consulenti, in Italia e all’estero, oltre naturalmente ai propri familiari che hanno condiviso con lui un percorso trentennale di progressiva crescita. Ha dedicato il Premio alla memoria dei propri genitori per la loro lungimiranza nel considerare, già negli anni Settanta, la conoscenza delle lingue come uno strumento professionale imprescindibile per il lavoro e dandogli perciò l’opportunità di studiare all’estero in giovanissima età.

Usco è nata a Modena nel 1989 e in questi decenni divenuto un gruppo con 17 sedi produttive, 55 centri distributivi, 1.780 dipendenti nel mondo e 420 in Italia; per il 2021 la previsione del fatturato si attesta su 735 milioni di euro.