benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

Poli, dal 1963 i sarti della saldatura

26/06/2018

L'atmosfera alla Poli è familiare, nel senso che in questa azienda dalla spiccata specializzazione, con una storia di 55 anni alle spalle, internazionale, la centralità del buon rapporto umano non si è mai smarrita. E in effetti la realtà di Castel Maggiore è anche questo, una famiglia. Nella sostanza, prima di tutto, perché la storia dell'azienda, partner tecnico di riferimento per saldature di alta precisione e componentistica meccanica speciale, è legata a quella dei Poli: di Dante che l'ha fondata nel l963 e oggi di Claudia, sua figlia, direttore generale e manager che la sta conducendo nei mercati internazionali.

Il core business è la saldatura ad alta precisione. “La produzione è suddivisa in pianificazione di linea e in lavorazioni estemporanee fuori linea”, spiega Dante Poli, “ed è in grado di supportare la realizzazione di componentistica speciale per ambiti che vanno dal food & beverage al medicale, passando per nautica, automotive, packaging e anche altri settori di nicchia. 

Aggiunge Claudia Poli: “Ci occupiamo dell'intera filiera di lavorazione dell'acciaio e di altre leghe speciali dal titanio all'alluminio, dal rame agli acciai legati. Copriamo l'intero ciclo di vita del manufatto, partendo dalla progettazione Cad al collaudo finale.” La chiave del successo è la cura dei dettagli. “E infatti noi vogliamo sempre una finitura a regola d'arte”.

La Poli di Castel Maggiore, fondata da Dante Poli nel 1963, dopo oltre cinquant'anni di attività porta ancora oggi il nome di famiglia. Forte dell'alto livello dei propri processi di saldatura e della capacità di far fronte alle più complesse esigenze tecniche, Poli si rivolge anche ai mercati esteri.
L'azienda, che occupa 15 dipendenti e ogni anno investe circa il 5% del proprio giro di affari in ricerca e sviluppo, ha chiuso il 2017 con un fatturato di 1,8 milioni di euro, in crescita del 50% sull'anno precedente e dell'89% sul 2015, il 10% del quale derivante dall’export. In particolare, Poli è in fase di startup per un progetto di internazionalizzazione che l'ha portata, nel 2017, a muovere i primi passi sul mercato spagnolo.

Leggi l'intervista integrale e guarda la videointervista a Dante e Chiara Poli sul Resto del Carlino Bologna

Scarica l'articolo dal sito di Confindustria Emilia Area Centro - Premio Mascagni edizione 2018