Il Nostro Team
Comunicazioni tecniche
Eventi
Fare News
Imprese Associate
{{ fifthTitle }}
Da sinistra: Paolo Crescimbeni, consigliere delegato al piano mobilità sostenibile e infrastrutture viarie della Città Metropolitana di Bologna; Andrea Corsini, assessore alla mobilità e trasporti della Regione Emilia-Romagna; Giuseppina Gualtieri, presidente e amministratore delegato di Tper; Matteo Lepore, sindaco del Comune e della Città Metropolitana di Bologna
Da sinistra: Paolo Crescimbeni, consigliere delegato al piano mobilità sostenibile e infrastrutture viarie della Città Metropolitana di Bologna; Andrea Corsini, assessore alla mobilità e trasporti della Regione Emilia-Romagna; Giuseppina Gualtieri, presidente e amministratore delegato di Tper; Matteo Lepore, sindaco del Comune e della Città Metropolitana di Bologna

Tper festeggia 10 anni

02/02/2022

Sono dieci le candeline spente idealmente ieri da Tper - l'azienda nata il primo febbraio 2012 dalla fusione dei rami del trasporto di Atc e Fer – che nel suo primo decennio di vita ha perseguito la missione affidatale dalle Istituzioni che hanno fortemente voluto quel progetto, rafforzando sempre di più la sua natura di “gruppo intermodale della mobilità”. Nel giorno esatto del decimo compleanno, al fianco di Comune e Città Metropolitana di Bologna, rappresentate dal Sindaco Matteo Lepore, e della Regione Emilia-Romagna, con l'Assessore alla Mobilità Andrea Corsini, Tper ha aperto quello che sarà un anno di iniziative per celebrare questa importante ricorrenza.

Saranno “festeggiamenti” improntati a sobrietà, come la natura dell’azienda e l’attuale momento impongono, e che hanno soprattutto l’obiettivo di fornire un momento di bilancio e restituzione ai territori dei risultati raggiunti e di creare momenti di coinvolgimento di tutti gli stakeholder, a partire dagli azionisti, anche per presentare gli impegni e gli obiettivi di questa nuova fase. La situazione pandemica condiziona inevitabilmente il programma di questo compleanno, ma non mancheranno appuntamenti - rimandati a partire dalla primavera, quando si auspica che la curva dei contagi possa consentirlo - dedicati ai cittadini, agli utenti e ai 2400 dipendenti del Gruppo Tper. Previsto, con la bella stagione, uno speciale Open-day: una giornata a porte aperte che consentirà di incontrare il personale con le loro famiglie e i cittadini che lo vorranno anche per scoprire il mondo di Tper in quello che vuole essere un interessante “dietro le quinte” di un servizio complesso ed essenziale che impegna tante persone ininterrottamente per 365 giorni all’anno.

Sono programmati incontri, momenti di approfondimento, ma anche attimi di svago e di cultura, come ad esempio alcuni già allo studio con la Cineteca di Bologna, con cui intercorre una consolidata collaborazione, nell'ambito della rassegna estiva del Cinema in Piazza.
Per questo compleanno che caratterizzerà l’intero 2022, Tper riserverà inoltre un'attenzione speciale agli utenti dei propri servizi, con un concorso a premi in ottica di fidelizzazione, che sarà illustrato nei prossimi mesi, dedicato in particolare agli abbonati che lungo questo decennio hanno scelto di muoversi con il trasporto pubblico contribuendo, alla riduzione dell'inquinamento e a una migliore vivibilità complessiva per i nostri territori. Particolari iniziative saranno inserite anche nell’ambito del progetto didattico “L’autobus da comunità a community”, al suo ottavo anno di effettuazione in collaborazione con il Centro Antartide: un percorso rivolto agli studenti delle scuole medie e superiori che lavora sugli aspetti di comunità della vita sul bus e sull’importanza sociale del trasporto pubblico.

Nonostante le soverchianti ragioni della pandemia – che hanno peraltro avuto la meglio in questi anni su ricorrenze dell’ultracentenaria storia del trasporto pubblico di cui Tper è erede e attuale interprete a Bologna e Ferrara - l'azienda ha scelto di mantenere l'appuntamento col decennale anche come segno dello sforzo collettivo dei suoi tanti lavoratori nel contrasto del Covid, a ricordare il fatto che Tper, al pari di tutto il mondo del trasporto pubblico locale italiano e non solo, ha sempre garantito il proprio servizio essenziale anche nei tempi di più stringente lockdown. L’azienda ha presentato il logo del decennale: associato al marchio di Tper, un grande “10” stilizzato rappresenta la ruota, simbolo per eccellenza della mobilità; tra le diverse declinazioni del logo, spazio al colore verde per ribadire l'impegno ambientale del Gruppo Tper, all'azzurro che ricorda la sfida elettrica - tra l’altro anche con il car sharing Corrente - e quella dell'idrogeno che impegnerà l'azienda in un futuro che è sempre più prossimo. Spazio anche ai colori del Global Compact, iniziativa strategica di cittadinanza d’impresa delle Nazioni Unite i cui obiettivi sono condivisi e centrali da anni nell'impegno sociale ed ecologico dell'azienda. Il logo “10 anni Tper” accompagnerà tutte le iniziative del decennale lungo tutto il 2022.

Soddisfazione nelle parole di Giuseppina Gualtieri, presidente e amministratore delegato di Tper, nel ricordare il contesto in cui è nata la società: “Il mandato dei soci era chiaro: perseguire la solidità - risanando i conti - e puntare alla sostenibilità economica e sociale nello sviluppo di una mobilità al passo con i tempi e in linea con le specificità dei territori. Oggi possiamo dire che di strada ne è stata fatta tanta e i numeri dicono che Tper è un gruppo sano che continua ad investire in una flotta sempre più green e, senza indugi, in tecnologie e servizi a beneficio dell’utenza e dei territori serviti. Anche in questa grave crisi pandemica l’azienda ha fatto e sta facendo la sua parte con impegno e determinazione. Nel primo decennio abbiamo investito complessivamente 338 milioni di euro e abbiamo in progetto di investirne ulteriori 220 nei prossimi tre anni. Un ‘grazie’ speciale va a tutti coloro che hanno condiviso questo percorso e che, sono certa, non faranno mancare il loro impegno anche in futuro: alle istituzioni proprietarie, ai componenti degli organi societari di oggi e di ieri, al management, ai partner industriali e ai fornitori e ai 2400, donne e uomini, che ogni giorno lavorano per garantire i servizi. In dieci anni abbiamo percorso oltre 460 milioni di chilometri con i nostri mezzi garantendo la mobilità a più di un miliardo di passeggeri trasportati. Questo compleanno cade in un momento di grandi sfide: l’ibridazione non è solo tecnologica, ma anche tra settori e tra ambiti digitali e tradizionali. Assistiamo a nuovi sviluppi in campo energetico con modalità di trasporto in rapida evoluzione. L’azienda può essere protagonista di queste sfide anche grazie alla scelta lungimirante degli enti e al lavoro fatto insieme in questi anni”.

Il sindaco del Comune e della Città Metropolitana di Bologna, Matteo Lepore, ha così salutato il decimo compleanno di Tper: “Tper rappresenta un asset strategico per il futuro di Bologna e sarà sempre più fondamentale per attuare le politiche di mobilità sostenibile che, insieme alle nuove infrastrutture, costituiranno una delle leve più importanti per raggiungere la neutralità carbonica e migliorare concretamente la qualità della vita dei bolognesi. In questi dieci anni Tper ha dimostrato di essere una realtà sensibile a queste sfide e pronta ad affrontarle. Questa ricorrenza è anche l’occasione e per ringraziare ancora una volta i lavoratori e chi ha guidato e sta guidando l’azienda in questi anni per l’impegno e la dedizione dimostrati. In particolare in questi anni di pandemia dove, tra mille difficoltà, è stato garantito un servizio pubblico vitale per la comunità”.

Il punto sui risultati di dieci anni e uno sguardo alle sfide che attendono il trasporto pubblico nel futuro anche nelle parole dell’assessore alla mobilità e trasporti della Regione Emilia-Romagna, Andrea Corsini: “Tper ha dimostrato, in questi dieci anni di attività, quanto sia centrale tema del trasporto pubblico locale. E quanto sia essenziale che vi siano aziende, come Tper, capaci di essere sostenibili dal punto di vista economico e, al tempo stesso, essere in grado di garantire un servizio che è strategico per ogni comunità. E quindi per le persone, che ogni giorno vanno a scuola, vanno al lavoro o che per qualsiasi ragione debbano spostarsi. Come Regione Emilia-Romagna abbiamo cercato di dare sostanza alla nostra determinazione nel voler garantire un servizio pubblico di trasporto che sia moderno ed efficiente. E questo vale per i bus, vale per i treni, vale per le infrastrutture a servizio degli scali portuali ed aereoportuali della nostra regione. Perché la vera scommessa è coniugare un servizio che sia funzionale alle esigenze di una comunità, ma che sia anche in grado di favorire la transizione ecologica dell’intero sistema infrastrutturale e di servizio della nostra regione. E questa sfida, che ci deve condurre verso sistemi di mobilità sempre più ecologicamente sostenibili, la possiamo e la dobbiamo vincere lavorando assieme ad Aziende di trasporto pubblico locale, che devono essere in grado di “reggere” l’intensità di questa partita. Tper è già in questa prospettiva, e il decennale dell’Azienda è appunto l’occasione per ringraziare tutti coloro i quali, ogni giorno, lavorano per garantire qualità ed affidabilità al trasporto pubblico locale. Sono certo che i risultati di oggi siano la premessa per cogliere e vincere le sfide che ci aspettano domani e che dovremo affrontare tutti insieme”.