benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

La linea Granarolo Bimbi festeggia 10 anni

11/05/2022

Granarolo festeggia i 10 anni della linea Granarolo Bimbi con il lancio di importanti novità dedicate al mondo dell’infanzia, sia liquide sia in polvere, disponibili sul mercato a partire dal mese di maggio.

Le nuove formulazioni che vanno ad ampliare la gamma sono: latte per lattanti UHT stage 1 (0-6 mesi) in formato 2x500ml, fatto in Italia con latte 100% italiano; latte di proseguimento UHT stage 2 (6-12 mesi) in formato 2x500ml, fatto con latte fresco alta qualità 100% italiano della filiera Granarolo, con vitamina D, necessaria per la normale crescita e sviluppo osseo e che contribuisce alla regolare funzione del sistema immunitario; latte crescita UHT stage 4 (sopra i 3 anni) in formato 500ml, fatto con latte fresco alta qualità 100% italiano della filiera Granarolo, con vitamina D, che aiuta la regolare funzione del sistema immunitario, calcio, necessario per la normale crescita e sviluppo osseo, e zinco, che contribuisce al normale sviluppo cognitivo; latte per lattanti in polvere stage 1 (0-6 mesi), in formato 800g (contenente 2 buste da 400g), fatto in Italia con latte 100% italiano; latte di proseguimento in polvere stage 2 (6-12 mesi), in formato 800g (contenente 2 buste da 400g), fatto con latte fresco alta qualità, con vitamina D, necessaria per la normale crescita e sviluppo osseo e che contribuisce alla regolare funzione del sistema immunitario; latte crescita in polvere stage 3 (1-3 anni), in formato 800g (contenente 2 buste da 400g), fatto con latte fresco alta qualità, con calcio e vitamina D, necessari per la normale crescita e sviluppo osseo e alla regolare funzione del sistema immunitario.

Sviluppata e lanciata nel 2012, la linea Granarolo Bimbi è leader di mercato nel Latte crescita 3 (Esl + UHT) e si contraddistingue per l’utilizzo di latte fresco alta qualità della filiera Granarolo come base per prodotti per l’infanzia. Tutta la gamma è senza aromi e senza olio di palma, valorizzando ulteriormente la materia prima. I latti liquidi e in polvere sono studiati per avere formule analoghe in modo da permettere ai genitori di poter scegliere in tranquillità entrambi i formati in funzione di ogni specifica esigenza.

I prodotti per l’infanzia del Gruppo arrivano anche in Cina:
Granarolo è infatti la prima azienda in Italia ad aver avuto uno stabilimento certificato dalle autorità di Pechino per la produzione e commercializzazione di latte liquido per la prima infanzia, con formulazioni ad hoc per il mercato cinese. I nuovi lanci della linea Granarolo Bimbi saranno anche l’occasione per celebrare i 10 anni di Allattami – La banca del latte umano donato di Bologna, il progetto senza scopo di lucro nato a ottobre 2012 e promosso da Granarolo insieme al Policlinico di Sant’Orsola di Bologna, la struttura sanitaria che ha rivestito il ruolo di consulente per lo sviluppo della linea Granarolo Bimbi, con la partecipazione de Il Cucciolo, l’associazione di Bologna dei genitori dei bambini nati pretermine, un esempio virtuoso e unico in Europa di collaborazione fra un’istituzione sanitaria e un’azienda privata.

La scienza è concorde nel dichiarare che il latte umano aumenti la possibilità di sopravvivenza dei neonati prematuri aiutandone l’accrescimento e lo sviluppo: fornisce le preziose sostanze nutritive nella forma più assimilabile, rafforza il sistema immunitario e favorisce lo sviluppo del sistema nervoso centrale. Non sempre però le madri di questi neonati, spesso sottoposte a grandi stress fisici e psicologici, hanno latte a sufficienza.

Per rispondere a questo bisogno è nata nel 2012 la Banca del Latte Umano Donato, avviata al Policlinico di Sant’Orsola di Bologna, allargandosi successivamente all’Ospedale Maggiore di Bologna, al Policlinico di Ferrara e all’Ospedale di Parma. Dall’inizio del progetto sono stati raccolti 33.983 biberon, equivalenti a 4.078 litri di latte materno, e sono state coinvolte 300 mamme donatrici, mentre 30.756 sono i biberon utilizzati dalle strutture sanitarie emiliane.