benvenuti nel cuore manifatturiero d'europa
benvenuti nel cuore manufatturiero d'europa

La mostra di Caterina Crepax per F.FRI prorogata fino al 27 febbraio

28/01/2022

Un grido gentile, ma non per questo meno potente, per richiamare l’attenzione sull’urgenza della sostenibilità: è quello di Caterina Crepax con “La Gentilezza della Carta. La sostenibilità è bellezza”, la mostra ideata e realizzata per la Fondazione Fashion Research Italy di Bologna per riflettere, attraverso la lente della bellezza, sul tema della sostenibilità.  

Una passerella di 18 abiti scultura con numerosi pattern provenienti dal prezioso archivio di textile design di F.FRI, nata nel 2015 per volontà del Cavalier Alberto Masotti, già Presidente dello storico marchio La Perla, per supportare i settori della moda e del design Made in Italy.  

L’esposizione mette in scena l’immaginario multiforme e onirico dell’artista, esaltando il fascino dell’italian style e restituendo al contempo una riflessione contro lo spreco: la carta, con le sue infinite vite, può infatti diventare sempre altro da sé, trasformandosi da materia funzionale a sostanza di una immaginazione feconda. I sogni, la bellezza della natura, il mondo orientale e i suoi decorativismi, la mitologia classica; e ancora, ali traslucide di insetti, pistilli di fiori, riccioli in ferro battuto, intarsi di vecchi pavimenti, grattacieli, rocce, nuvole, foglie, conchiglie, mappe di città. Gli abiti sono modellati sugli innovativi manichini di Bonaveri, in materiale da fonte rinnovabile e biodegradabile e realizzati in carta prodotta con il 100% di fibre riciclate dalla storica cartiera Cordenons.    

Un universo senza fine di elementi d'ispirazione che, tra le mani della Crepax, si fondono per rinascere in forme nuove. La sua passione è infatti da sempre la carta, che, grazie alla fantasia e alla manualità ereditata dal padre - il celebre fumettista Guido Crepax - riesce a trasformare in vere e proprie opere d’arte.   

“Il tema della sostenibilità è da sempre centrale nel mio lavoro – dice Caterina Crepax – e la carta di riciclo e riuso è il materiale che più di altri diventa metafora della gentilezza che dovremmo usare nei confronti del nostro pianeta. Per questo progetto ho cambiato il mio usuale approccio creativo, che normalmente concepisce l’idea finale dell’opera, per realizzare la quale poi cerco carte di ogni tipo, dagli scarti tipografici ai vecchi libri ai pirottini per i dolci. In questa occasione invece il punto di partenza è stato il magnifico Fondo Brandone, e la sfida è stata quella di creare abiti che valorizzassero le splendide grafiche dell’archivio, mixandole per arrivare a un’armonia di colori e forme: in un certo senso per la prima volta mi sono improvvisata, per così dire, stilista, un approccio che mi ha stimolato e divertito moltissimo”.  

L’esposizione sarà visitabile fino al 27 febbraio 2022 in un ricco calendario di aperture straordinarie degli spazi della Fondazione, di norma chiusa al pubblico
, a cui gli interessati potranno accedere su prenotazione (tutte le informazioni e la prevendita su www.mybologna.app/FFRI). Particolare attenzione alle scolaresche a cui sono riservate visite guidate durante la settimana.

Gli associati a Confindustria Emilia potranno fruire della speciale tariffa di ingresso di 5 euro a persona (anziché 8 euro).

La mostra potrà essere visitata esclusivamente previo prenotazione da effettuare direttamente presso la Fondazione FRI: Pietro Cervellati, pietro.cervellati@ffri.it, 0516037832.