Comunicazioni tecniche
Eventi
Fare News
Imprese Associate
Il Nostro Team
{{ fifthTitle }}

La poesia è come un treno

21/03/2022

"Sono nato davanti a una stazione, a Forlì. Pablo Neruda era figlio di un ferroviere e lo era anche uno dei miei maestri, Mario Luzi. E Treno di parole si intitola un documentario sul poeta romagnolo Raffaello Baldini, viaggiatore e poeta del treno. Quante poesie sono nate sui vagoni, quante ambientate sui treni e in ogni angolo del mondo. E dal finestrino il mondo quanto ha ispirato, quanto ha parlato ai poeti. Credo che molti abbiano scoperto una strana spinta a scrivere in versi vedendo il mondo muoversi in quel riquadro, suscitando nostalgie, attese, presentimenti. I treni portano tutta l'umanità con le sue meraviglie, i suoi dolori, i malori e le grazie. A tutto questo la poesia offre voce, è conoscenza artistica della vita. Non si prende un treno senza destinazione. E così anche la poesia mette a fuoco un destino per la vita".  

Con queste parole parte il
viaggio in treno da Bologna a Venezia del poeta forlivese Davide Rondoni che ha preso parte a questa iniziativa di Ferrovie dello Stato per la Giornata mondiale della Poesia, una ricorrenza istituita dall’UNESCO nel 1999 per promuovere e valorizzare questa forma di comunicazione così universale in grado di veicolare un messaggio di pace, di scambio interculturale, di dialogo tra i popoli.  

A salire a bordo
dei treni altri quattro poeti - Erika Di Felice, Denata Ndreca, Flaminia Colella e Melania Panico – che hanno viaggiato fra Roma e Velletri, Firenze e Roma, Pescara e Vasto, Napoli e Salerno.  

Guardali e ascoltali su FS News_Giornata mondiale della Poesia 2022.