Dismeco è "Best performer dell’economia circolare 2019" – categoria PMI di Servizi Ecologici

Data pubblicazione: 20/05/2019

Dismecosi aggiudica il premio"Best performer dell’Economia Circolare 2019" nella categoria PMI di Servizi Ecologici. La premiazione dei vincitori del concorso si è tenuta lo scorso giovedì 16 maggio a Roma nel contesto delle iniziative a supporto di EXCO2019 e a conclusione del progetto avviato nel 2018 per informare e sensibilizzare le imprese sui temi dell’Economia Circolare, ma anche per censire le tante iniziative di recupero, riciclo e riuso attivate dalle aziende italiane sotto forma di progetti e/o di veri e propri modelli di business circolari. 

Il concorso "Best performer dell’Economia Circolare", promosso da Confindustriacon il contributo di 4.manager e il supporto di ENEL X, ha premiato, nel corso di un importante tavolo di confronto sulle policies di Confindustria in merito all’economia circolare tra Associazioni di rappresentanza delle imprese e dei manager e le Istituzioni, gli esempi eccellenti di circolarità e di sostenibilità nell’ambito delle sette categorie in gara: Grandi imprese Manifatturiere; PMI Manifatturiere; Grandi imprese di Servizi; PMI di servizi; Grandi imprese di Servizi Ecologici; PMI di Servizi Ecologici; Premio speciale "Competenze per la sostenibilità".
 Dismeco, rappresentata per l’occasione dall'amministratore delegato Claudio Tedeschi, si è aggiudicata il 1° posto tra le piccole e medie imprese di servizi ecologici per la qualità dell’organizzazione e dell’ottimizzazione del processo, oltre che per la capacità di sviluppo di iniziative in condivisione con gli stakeholders e per l’impegno nella diffusione della cultura della sostenibilità.

L’azienda, nata a Bologna, prima in Italia nel settore, nel 1977, è specializzata nello smaltimento e trattamento di materiale elettrico ed elettronico ("RAEE") e offre alle aziende servizi di eccellenza e in totale conformità normativa nell'ambito di un progetto ambientale che ha tra i suoi punti cardine il massimo recupero dei materiali, il cui fiore all'occhiello è il “Progetto Borgo Ecologico”. 

Unico nel suo genere, il"Borgo Ecologico", che si sviluppa nell'area dell’ex "Cartiera Burgo" di Lama di Reno, Marzabotto, alle porte di Bologna, opera come multipiattaforma in cui il concetto di "responsabilità sociale dell’impresa" vuole essere declinato in ogni possibile accezione. "Un’impresa che oggi voglia dirsi responsabile, nel momento stesso in cui si adopera per dare inizio a un processo innovativo, deve prevedere ricadute potenziali dell’innovazione sulla comunità di cui è parte, e non esclusivamente sulla propria performance aziendale", sottolineaClaudio Tedeschi. Una "Economia Circolare condivisa", quindi, che vede concretamente realizzarsi i punti più qualificanti della attività della Dismeco, come la produzione di energia pulita tramite fonti rinnovabili, l’attività didattica nei confronti delle scuole del territorio, l’attivazione operativa del "Progetto Raee in carcere", un laboratorio presso le carceri di Bologna.

La ricerca della massima valorizzazione delle materie prime e l'innovazione tecnologica degli impianti (Dismeco vanta il record mondiale del 98% di recupero di materie prime dai grandi elettrodomestici) sono elementi cardine di questo progetto e, in questo senso, l'impresa ha attivato collaborazioni con l’Università di Bologna e la Chalmers University of Technology di Göteborg. Dismeco ha inoltre partecipato al progetto europeo "Relight Project", che ha portato all'implementazione tecnologica degli attuali macchinari di trattamento delle lampade fluorescenti, al fine di incrementarne la depurazione da mercurio e la qualità delle materie prime risultanti.